Salsa Tabasco? Si, ma di SuperHot

image_pdfimage_print

Quella che vi presento stasera è la mia ricetta per la realizzazione di una salsa simil Tabasco che ho messo appunto unendo due tecniche estrattive,volte ad accorciare i tempi di realizzazione di questo tipo di salsa, che come ben sapete, necessità di un tempo assai lungo per essere pronta. Si parla anche di tre anni nella ricetta originale.

Questa ricetta non pretende di essere come quella originale, ma  il risultato ottenuto non ha nulla da invidiare . Premetto che anzichè aver utilizzato i Tabasco ,che è un peperoncino  della specie Capsicum Frutescens, ho usato dei peperoncini SuperHot della specie  Capsicum Chinense . Questo conferirà alla salsa  un notevole piccantezza. Detto questo nessuno vi vieta di usare altri peperoncini e realizzare un versione  più umana rispetto alla mia 🙂

Veniamo gli ingredienti e alla preparazione. Buon proseguimento.

Ingredienti:

  • 700 gr di peperoncini superhot  misti rossi in questo caso ( io ho usato : Moruga satan, Bhut jolokia red, Fatalii jigsaw, Carolina reaper)
  • 1 litro aceto di mele
  • 2cucchiai di sale  grosso affumicato

Materiale occorrente:

  • Pentola a pressione
  • Colino
  • Fermentatore munito di gorgogliatore
  • Tagliere e coltello
  • Utensili da cucina

Preparazione:

  1. Lavare e privare del picciolo i peperoncini
  2. Tagliare grossolanamente i peperoncini e metterli nella pentola a pressione
  3. Aggiungere l’aceto e  il sale affumicato
  4. Chiudere la pentola e metterla sul fuoco a fiamma alta
  5. Appena la pentola comincia a fischiare abbassare la fiamma al minimo
  6. Cuocere per 2 minuti
  7. Trascorsi i due minuti spegnere la fiamma e attendere che si raffreddi la pentola e venga sfiatata la pressione residua. (potete anche sollevare la valvolina di sicurezza , ma sappiate che in quel caso è meglio portare la pentola all’esterno dato che  i vapori saranno carichi di capsaicina e la vostra cucina si trasformerebbe in una camera a gas lacrimogeno.
  8. Una volta raffreddata potete aprire  la pentola in tutta sicurezza.
  9. Frullate con frullatore ad  immersione i peperoncini superhot 
  10. Buttate il frullatore ad immersione  🙂
  11. Setacciare le parti solide (semi e bucce rimaste) con l’ausilio di un colino a maglie strette 
  12. Una volta filtrato il composto mettetelo all’interno del vostro fermentatore
  13. Chiudete  il fermentatore e riempite il gorgogliatore con alcool etilico alimentare (questo permetterà ai gas di fermentazione di uscire e non farà entrare aria all’interno mantenendo il più sterile possibile il  processo da agenti patogeni) 
  14. Lasciate fermentare per 7/10 gg in ambiente fresco e buio
  15. Trascorso tale periodo il Tabasco puo’ essere consumato o messo in botte di rovere per  la successiva stagionatura.

AVVERTENZE

  1. Areate il locale durante la cottura
  2. Utilizzate mascherina e guanti in NITRILE, non lattice, durante  il taglio e la manipolazione dei peperoncini tagliati
  3. Prestate la massima pulizia degli utensili utilizzati e sterilizzate il fermentatore con il Metabisolfito di Potassio. (utilizzato in enologia o per sterilizzare gli strumenti per produrre birra in casa)

Mi auguro che sia tutto chiaro, nel caso di dubbi non esitate a commentare.  Se vi è piaciuta la mia ricetta e ne volete delle altre mettete un Mi Piace alla mia pagina QUI

Grazie da OrtoPiccante

image_pdfimage_print

7 Commenti

  1. Ciao Roby,ma anche con quella quantità di aceto parte la fermentazione? E a quale temperatura consigli di tenere il contenitore durante la fase di fermentazione?

    • Ciao Giancarlo, avevo provato un paio di volte con una quantità minore, ma si sviluppava una muffa. Io lo tengo a temperatura ambiente.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*